Readers in the storm. Le recensioni impervie

February 19, 2016

 

READERS IN THE STORM. 
LE RECENSIONI IMPERVIE

 

Nella nostra vita di tutti i giorni sono presenti dei testi che consultiamo spesso, senza renderci della loro dignità letteraria. Alla  stregua dei migliori capolavori della letteratura mondiale, ci accompagnano, regalandoci emozioni, entrando a far parte della nostra vita. Questo blog, come una casa editrice coraggiosa che crede e promuove le opere che ancora non sono comprese dal grande pubblico, le studierà nel dettaglio e le valorizzará per voi. Ai posteri l'ardua sentenza, già sappiamo che ci ringrazieranno.

 

Recensione impervia n.1

La palina dell'autobus. Fermata a piacere. Edizioni Comune di Roma.  Autore Atac

Prima considerazione, è letteratura bassa o alta?  
Direi media, la palina è posizionata a circa 2 Mt da terra su un bel palo pitturato con una brillante e allegra vernice gialla che solo a vederlo ti mette di buon umore. Il testo citato si staglia e si sviluppa in un ampio spazio diviso in due colonne e i caratteri si snodano con ordine e sobrietà istituzionale. Non mancano mai aggiunte artistiche  applicate generosamente e con spirito disinteressato da writers e graffitari autocnoni. La distribuzione è capillare, ne trovate esemplari su tutto il territorio, anche in periferia. È a disposizione di tutti,  senza discriminazioni che riguardino sesso, età, provenienza e classe sociale.  
Nelle nuove edizioni de "La palina dell'autobus" hanno applicato, a metà del palo, una targhetta con un codice numerico, che tenerezza, nell'ingenua speranza che possa informare sullo stato delle corse (o per meglio dire sullo "stato delle cose") in tempo reale, scaricando ovviamente l'apposita applicazione (le persone anziane non parlano più del tempo, dei bei tempi andati, ma ti apostrofano direttamente: "giovanotto, che ce l'ha quel coso che sse vede se ariva l'autobusse?"). Grazie questa trovata tecnologica potremmo cosi sapere in anticipo quanta vita passeremo ad aspettare il nostro mezzo di trasporto. 
In questi momenti sospesi nel tempo leggiamo avidamente il testo, ripassiamo i nomi delle fermate, li memorizziamo avidamente, li declamiamo a voce alta, immaginiamo, speriamo. Insomma le emozioni si succedono, dando spessore e pathos a questi momenti eterni. Spesso condividiamo con i presenti le nostre opinioni, le nostre aspettative,  raccontiamo l'un l'altro delle nostre vite, leggiamo insieme la palina. Inevitabilmente spuntano citazioni letterarie: 
Amleto "aspetto o non aspetto, è meglio....";
Dante "e ritornammo a riveder le stelle - prendendo a testate il già citato palo giallo"
A ritroso nel tempo, addirittura Omero "Cantami o diva dell'ira funeste-a largo Preneste"
Nascono domande sul senso della vita, ci si interroga sulla teoria della relatività,  si prendono decisioni importanti.  Insomma, davanti a questa vera e propria opera d'arte l'essere umano dá il meglio di sé. E quando meno te l'aspetti ecco spuntare da lontano una sagoma familiare, con il numero lungamente agognato in evidenza, che si avvicina lentamente, e la gioia ci pervade. Quando l'autobus è finalmente di fronte a noi, ci si accorge che lo spazio per entrare è minimo, ma ci si butta ugualmente nella mischia, citando involontariamente quel famoso film americano del '39, lungo come un'attesa alla fermata,  gridando con voce strozzata "francamente me ne infischio".
E dopotutto, domani è un'altro giorno.
GIAN+MARIO

 

 

 

 

READERS IN THE STORM. LE RECENSIONI FANTASMA

Nuova rivoluzionaria sezione del nostro blog.
Avete in mente un libro di cui vi hanno parlato, che avete sfogliato in libreria, che vorreste tanto leggere, ma non avete tempo né voglia di farlo?  Ci pensiamo noi, lo leggeremo e lo recensiremo con sommo piacere. Lo potrete citare brillantemente e fare bella figura con amici e colleghi. Dopo la nostra recensione sarete persone informate sui fatti e magari vi verrà pure voglia di leggerlo, quel libro!!!

Please reload

Post in evidenza

I'm busy working on my blog posts. Watch this space!

Please reload

Post recenti

August 1, 2016

Please reload

Archivio
Please reload

Cerca per tag
Please reload

Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square