La tigre. John Vaillant. Einaudi

February 26, 2016

 

Immaginate per un momento di ritrovarvi improvvisamente in questa situazione: in Siberia, o per meglio dire al limite estremo di questa terra, l’ultima propaggine orientale della Russia, e quindi dell’Europa. È inverno, la neve domina il paesaggio: siete da soli, nel silenzio assoluto della natura. State sistemando delle trappole per animali, siete cacciatori di frodo perché in qualche modo dovete sopravvivere. Sapete il fatto vostro, o almeno lo credete.  Avete il vuoto intorno e probabilmente dentro. Ed è in questo momento che sentite questo suono che permea e riempie completamente lo spazio, che vi immobilizza, che letteralmente vi ipnotizza. Avete compreso che è un presagio di morte, la vostra probabilmente, ed è il ruggito della padrona della taiga. 
Capovolgimento di fronte, siete sempre nello stesso posto, stesse condizioni. Non avete freddo, d’altronde siete dotati di un corpo che si è adattato da secoli a queste lande. State cacciando, è indiscutibilmente la vostra natura. Neve, silenzio, freddo….vuoto? No, è uno spazio gravido di possibilità, per voi che sapete controllare spazio e tempo. Potete raggiungere uno stato di virtuale di non esistenza, scegliere un punto di osservazione e osservare. Sapete il fatto vostro. Ed è vero. Senza alcuna fretta, osservate fino a comprendere l'alchimia della situazione. Non fate nessuno sforzo, accompagnate con piacere quella sensazione che nasce dentro di voi, che diventa una vibrazione, sempre più forte. Comincia a crescere, inarrestabile, fino ad esplodere in un ruggito che risuona nel vostro regno. La preda è davanti a voi. E voi siete la tigre, il predatore alfa di queste terre.  

Ecco, questo bel libro parla sostanzialmente di questa continua ed interessante contrapposizione tra uomo e animale. L’autore ci propone un reportage intenso, ben scritto, denso di cenni storici, dettagli  antropologici, descrizioni e informazioni di ogni tipo. Il contesto, l’altro protagonista, è questo luogo, una terra di confine, oasi naturale estremamente selvatica, storicamente contesa da Cina e Russia. In questo contesto la tigre, predatore per eccellenza, è stata capace di adattarsi a condizioni estreme che in genere non gli appartengono e questo le ha permesso di avere il predominio assoluto sulle altre creature. Secondo alcuni studi la tigre siberiana è la specie più vicina alla primordiale tigre dai denti a sciabola, per la sua stazza, la sua conformazione e il suo modus vivendi. Il rapporto della tigre con l'uomo può essere di reciproco riconoscimento, secondo regole non scritte, ma anche di vera e propria guerra per il controllo del territorio. È una guerra tra esseri intelligenti, astuti e spesso imprevedibili, che imparano e cambiano in seguito alle proprie esperienze. La storia, autentica, racconta di una tigre "cannibale", ovvero mangiatrice di uomini, che incarna un archetipo affascinante e terrificante, presente in molte culture. Questo esemplare di tigre è stato capace di mettere alla prova un'intera comunità, grazie alla sua intelligenza e alla sua astuzia, attraverso azioni, inutile negarlo, guidate da sentimenti solitamente accostati all'essere umano, come rabbia e risentimento. 
La storia è raccontata magistralmente da John Vaillant, giornalista e scrittore del National Geographic,  New Yorker e The Atlantic. Una narrazione di animali, uomini, luoghi e anime, in particolare dell'anima russa. 

Colonna sonora consigliata, "Cat people" di David Bowie. 
No, la colonna sonora di Sandokan non va bene, parla di tigri un pó viziatelle, quelle stanno al caldo…. 
 

 

 

Please reload

Post in evidenza

I'm busy working on my blog posts. Watch this space!

Please reload

Post recenti

August 1, 2016

Please reload

Archivio
Please reload

Cerca per tag
Please reload

Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square